DOMENICA DELLE PALME AD ASSISI

ASSISI - Numerosi assisani e pellegrini hanno partecipato alle solenni celebrazioni della domenica delle Palme, 14 aprile, che liturgicamente ci introduce al memoriale degli eventi della settimana santa. In mattinata in piazza del Comune nello sfondo medievale, dal sagrato di Santa Maria sopra  Minerva, il vescovo di Assisi - Nocera Umbra - Gualdo Tadino, monsignor Domenico Sorrentino, ha benedetto i presenti convenuti e le palme con le quali osannanti ci si è  recati nella cattedrale di San Rufino a ricordo dell'entrata trionfante di Cristo in Gerusalemme. È seguita sempre in  cattedrale la santa messa  solenne presieduta dal presule e concelebrata dal parroco e vicario foraneo don Cesare Provenzi e il vice-parroco don Alessandro Picchiatelli.
“Gesù ha voluto prendere su di sé il nostro peccato - ha detto il vescovo - . Stiamo per vivere gli eventi della Passione, morte e Resurrezione di Cristo. Noi da che parte stiamo? Di chi si batte il petto o di chi lo proclama Re e dice Osanna? I nostri 'no' sono i nostri peccati. Tra le tante parole che dice Gesù in queste vicende, oggi vi consegno quelle che il Cristo dice alle donne: ‘Non piangete su di me oggi, piuttosto piangete sui vostri figli cioè  lavate con le vostre lacrime i peccati dei vostri figli’. Oggi proviamo a piangere sui nostri errori e peccati e ritroveremo la pace, diventando capaci di donare e di testimoniarla con il dono del nostro ramoscello di ulivo”. Durante la celebrazione i ragazzi del catechismo hanno poi consegnato i risparmi raccolti durante la Quaresima a favore dei Poveri. La santa messa è  stata animata dal coro della cappella di San Rufino.

 

Suor Maria Rosaria Sorce